999 L’origine di Carlo Adolfo Martigli

di Stefania Nascimbeni

999 L’origine”(Mondadori), è l’ultimo romanzo di Carlo Adolfo Martigli, una sorta di sequel del suo primo grande successo internazionale, “999 L’ultimo Custode”.

Da sempre considerato il Codice da Vinci italiano, lo scrittore toscano torna con una nuova storia, un mistery fantasy storico ambientato tra i giorni nostri e il 40 d. C., circa, all’epoca dell’Imperatore Tiberio Claudio Cesare Augusto Germanico.

Due donne, anzi, due bambine di epoche molto lontane fra loro, sono destinate a diventare le custodi di un grande e importante segreto che potrebbe sconvolgere l’umanità: ci hanno raccontato per millenni una storia che, forse, non corrisponde alla verità.

Tutto ruota intorno a un libro misterioso, che si tramanda da secoli di mano in mano, partorito niente meno che dalla penna di Gesù di Nazareth e affidato in seguito a Maria di Magdala.

“Ma le invidie accendono i discepoli, la brama di potere e di controllo travolge presto gli animi, e le pagine con le vere parole di Cristo devono essere portate via, nascoste…”

Circa duemila anni dopo ecco comparire Maria, una bambina molestata dal padre orco che viene accolta sotto la protezione di un letterato toscano, Giacomo de Mola, che casualmente ha ereditato il libro che contiene il segreto di Gesù, passando per un lunghissimo viaggio che fa tappa addirittura presso Pico della Mirandola, ma non solo.

“999 L’ultimo custode” di Carlo A. Martigli torna quindi a raccontarci dell’alfa e dell’omega, in costante equilibrio tra maschile e femminile sacro, attraverso un intreccio di passato e futuro che ti permette di godere della lettura fino all’ultimo respiro.