La trilogia del peccato di Meghan March: Lui, Lei, Loro

L’avevo incontrata la scorsa estate con la sua Trilogia Mount (ne avevo scritto qui), e la trovo di nuovo sotto il sole e in mezzo alla sabbia anche quest’anno.

La Trilogia del peccato (SEM) di Meghan March non lascia adito a dubbi. Il lato sessuale resta lo scenario preferito dell’autrice, anche se i toni si fanno più smorzati rispetto alla precedente, restando pur sempre legata al mondo del lusso.

La storia narrata è a due voci, quella di Lincoln Riscoff e quella di Whitney Gable. Due famiglie stile Montecchi e Capuleti, due rivali in affari, anche se una prevale decisamente sulla seconda ridotta in rovina. Al centro di tutta la vicenda dieci anni, non vissuti.

Perché antecedenti ai dieci anni in cui Whitney ha vissuto a Los Angeles, moglie oscurata di un divo del rock, era nata quella che ancora non era considerata la loro storia d’amore. Dettata piuttosto da un’attrazione esplosiva, da una chimica senza eguali, dal desiderio puro di possedersi.

Salvo macchiare il nome della stirpe, per i Riscoff. Una visione distorta da parte di tutti i componenti, in testa la madre di Lincoln che non perde occasione di autocensurarsi con ricoveri in ospedale.

Quando Whitney rientrerà a Gable, la cittadina che prende il nome dalla sua famiglia, ricomincerà nell’esatto punto in cui si è interrotta. Con tutte le conseguenze devastanti di un amore contrastato, di una ragazza che non crede in sé stessa, di un uomo che sa di non essersi dato del tempo per la propria vita.

© Riproduzione Riservata