Perduta e attesa di Nell Freudenberger

Cosa succede quando muore un’amica che non vedevi da tempo ma con la quale avevi condiviso molte esperienze di vita?

Helen, cattedra di fisica al MIT e brillante scrittrice riceve in maniera improvvisa una telefonata in cui le viene comunicata la morte della sua amica Charlie. Nell Freudenberger in “Perduta e attesa” (Codice Edizioni) descrive il vortice di emozioni che una tale notizia può scatenare nella vita di una persona.

Non è solo il fatto in sé a sconvolgere la vita di Hellen, ma tutto quello che ruota intorno alla scomparsa della donna. Dalla ricezione di email e messaggi da parte del telefono della defunta, scomparso il giorno della morte della stessa, alla relazione che si trova ad intrecciare con il marito dell’amica, Terrence, e la figlia Simmi. La coppia si trasferisce sotto l’appartamento di Helen rompendo l’equilibrio della sua vita a due. Helen è da sola con un figlio avuto da un donatore anonimo e divide le sue giornate tra il lavoro, il suo amico Neel e Jack.

Il libro si snoda tra passato e presente, descrivendo la vita delle due donne durante gli studi, le loro relazioni sentimentali e quello che avevano vissuto insieme. La descrizione di Charlie è quella di una donna molto bella, tenace e forte che decide di porre fine alla sua vita segnata da una malattia cronica.

Hellen si trova schiacciata tra i sentimenti che prova per Neel che è prossimo alle nozze e quelli, velati dal senso di colpa, per Terrence. Un ultimo messaggio ricevuto dal telefono dell’amica le fa capire che non si tratta di una persona da denunciare, ma di qualcuno vicino a lei che cerca di esprimere il suo dolore e il disagio.

Sveva Assembri

© Riproduzione Riservata